english

prenota

VIBO VALENTIA

Vibo Valentia che durante i secoli ha visto cambiare più volte il suo nome è una ridente cittadina arroccata sul ciglio di un colle dove superbo si erge il castello Normanno Svevo oggi sede del Museo Statale, con una vista davvero incomparabile da un lato verso le Serre Calabre e dall’altro verso il mare. Fondata come colonia locrese (con il nome di Hipponion) sul luogo di un pre esistente centro italico, raggiunse nel secolo V a.C. una notevole potenza, riuscendo a sconfiggere nel 442 a. C. la stessa Locri ; fu in seguito vinta e distrutta da Dionisio il Vecchio di Siracusa. Ricostruita nel 379 a.C. dai Cartaginesi, passò sotto l'influenza dei Greci prima e dei Bruzi poi, finché nel 192 a.C. divenne colonia romana. Fu poi roccaforte bizantina ; devastata dagli Arabi nel corso dei secc. IX e X, fu completamente ricostruita nel 1235 dagli Svevi, con il nome di Monteleone. L'abitato si compone di un borgo medioevale, dalle vie strette e sinuose, raggruppato sul colle ai piedi del castello, e di una parte moderna che si estende nel sottostante ripiano terrazzato ed ha una regolare maglia ortogonale. Adagiata sul pendio di questo colle è ricca di antichi palazzi nella parte alta sedi delle nobili famiglie di un tempo . la città ha dato lustro a notevoli personaggi che hanno fatto di Vibo Valentia una culla di civiltà e di cultura. Molto belle da visitare sono le sue chiese tra le quali spicca il Duomo di S. Maria Maggiore o di S. Leoluca, la chiesa di S. Michele con il suo famoso campanile attribuito al Peruzzi risalente al 1515; la chiesa di S. Ruba la cui cupola è un esempio di architettura orientale risalente al XI XII secolo. Vibo Valentia che ha , nel tempo, subito numerose invasioni, conserva ancora nelle sue tradizioni le impronte indelebili dei Greci, Latini, Spagnoli, Normanni e Francesi che ancora oggi ne influenzano gli usi , i costumi e le tradizioni. V. V. che in epoca moderna è stata definita un “Giardino Sul Mare” ricco di un entroterra suggestivo ed incontaminato è da poco divenuta provincia e vanta il merito di avere alcune delle località più belle e conosciute della Calabria e non solo a livello nazionale. Ottima la cucina tipica. Buona l’offerta turistica e ricettiva soprattutto nella parte costiera che offre allo sguardo dei visitatori località di estrema bellezza.